1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Arcelor, cda respinge opa ostile di Mittal

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Arcelor dice no all’opa lanciata dal magnate indiano Lakshmi Mittal. Si blocca pertanto, almeno per il momento, la prospettiva di una colossale aggregazione nel settore dell’acciaio. Al termine di una riunione durata circa tre ore, il cda della società francese si è espresso all’unanimità contro l’offerta non sollecitata di Mittal, che quindi è stata ritenuta ostile. “Le due aziende non condividono gli stessi valori, lo stesso modello di business e la stessa visione strategica”, si legge nel comunicato di Arcelor. Gli azionisti sono stati pertanto invitati a non consegnare i titoli alla società indiana. Oggi Lakshmi Mittal incontrerà il ministro dell’Economia francese, Thierry Breton, che sabato ha ricevuto il patron di Arcelor, Guy Dollé. Per la conquista di Arcelor, l’indiana Mittal aveva messo sul piatto 18,6 miliardi di euro, pari a 28,21 euro per azione, cioé il 27% in più del prezzo di chiusura di venerdì di Arcelor. L’eventuale fusione fra i due gruppi avrebbe portato alla creazione del maggiore gruppo siderurgico al mondo, circa tre volte più grande della Nippon Steel, con 320.000 dipendenti in quattro continenti, e con un giro d’affari di 69 miliardi di dollari nel 2005. La società di diritto olandese ma controllata dall’indiano Mittal si era anche impegnata, nel caso di conquista di Arcelor a cedere Dofasco a ThyssenKrupp, invertendo così il risultato della corsa a due fra Arcelor e Thyssenkrupp per l’acquisizione della società canadese.