Apple e Yahoo! verso una partnership sul mobile. Google sotto accusa per Android

Inviato da Valeria Panigada il Mer, 10/04/2013 - 13:15
Quotazione: YAHOO!
Quotazione: GOOGLE INC

Settore tech & web in fermento Oltreoceano. Oggi è giunta la voce che Apple e Yahoo! hanno intenzione di approfondire il loro rapporto di partnership, sviluppando una collaborazione più stretta sul mobile. Intanto, l'altro colosso di Internet, Google, è finito sotto accusa per il suo popolare sistema operativo Android e le sue applicazioni su smartphone e tablet.

Secondo le indiscrezioni del Wall Street Journal e a seguire quelle dell'agenzia di stampa Bloomberg, che citano fonti anonime vicine alla vicenda, Apple e Yahoo! stanno tessendo discussioni per sviluppare una più stretta collaborazione sul mobile. In particolare, ci sarebbe l'ipotesi di portare il sistema di ricerca di Yahoo! dentro l'ecostsitema mobile di Apple. E proprio a questo scopo, l'amministratore delegato di Yahoo!, Marissa Mayer, avrebbe incontrato il vice president di servizi Internet di Apple, Eddy Cue. L'ipotesi permetterebbe alla Mela morsicata di sganciarsi almeno in parte dal motore di ricerca Google.

Le discussioni però, tiene a precisare il Wall Street Journal, sono ancora in una fase primordiale e l'eventuale nuova partnership non sarebbe imminente. Tuttavia, solo il fatto che Yahoo! si sia seduto al tavolo delle trattative con il colosso di Tim Cook confermerebbe le sue intenzioni a entrare sempre più nel business del mobile.

Google sotto accusa, nel mirino è finito Android
E intanto Google, l'altro gigante del web, finisce sotto accusa per pratiche anticoncorrenziali. La denuncia questa volta è arrivata da FairSearch, un gruppo di 17 operatori di cui fanno parte anche Microsoft e Nokia, che ha presentato un ricorso all'antitrust Ue. Sotto accusa è finito il suo sistema operativo Android, che, secondo la denuncia, viene utilizzato da Google per monopolizzare il mercato delle applicazioni sugli smartphone e tablet. In altre parole, il gruppo di Mountain View piazzerebbe di default sui dispositivi mobili (che utilizzano Android) una serie di sue applicazioni a discapito di quelle dei concorrenti.
COMMENTA LA NOTIZIA