Apple presenta al mondo il nuovo iPhone 3G

Inviato da Daniela La Cava il Mar, 10/06/2008 - 09:35

Sta per cominciare una nuova stagione per la telefonia mobile. E l'inizio di questa nuova era potrebbe essere stato segnato prorpio ieri, con la tanto attesa presentazione dell'iPhone di nuova generazione svelato al mondo da Steve Jobs, numero uno della Apple, al Moscone Center di San Francisco. Centinaia e centinaia le persone  accorse all'Apple Worldwide Developers Conference (Wwdc) per essere tra i primi a vedere l'iPhone 3G, quello "con la veloce tecnologia 3G wireless e le mappe con Gps".

"A meno di un anno di distanza dal lancio dell'iPhone, ci apprestiamo a lanciare il nuovo iPhone 3G veloce e venduto a metà prezzo". Con il solito look, maglia nera a collo alto e jeans, il fondatore del colosso di Cupertino ha presentato alla numerosa platea il nuovo modello del cellulare "tuttofare", pronto già a scalzare il fratello maggiore. Un dispositivo tutto nuovo in grado di unire tre prodotti in uno: un telefono rivoluzionario, un iPod widescreen e un dispositivo Internet con e-mail in formato Html e navigazione web completa.

L'iPhone 2 che sbarcherà in Italia a partire dal prossimo luglio, arriverà anche in altri 70 Paesi sparsi per il mondo, dal Sud America al Vecchio continente per poi giungere fino in Asia. Il prezzo? Apple ha deciso di mantenere un costo uguale a livello internazionale: 199 dollari per il modello da 8 giga e 299 per la versione da 16 giga.

Molte le funzioni nuove. Innanzi tutto il tanto atteso Gps, ma anche la possibilità di "fare di più in più luoghi: navigare sul Web, leggere messaggi e-mail, ottenere indicazioni stradali e guardare filmati, anche mentre siete al telefono".
Un device capace di fornire un accesso veloce a internet e alla posta elettronica attraverso le reti cellulari di tutto il mondo. A San Francisco è stato presentato un piccolo computer in grado di svolgere tutte le funzioni. "La risposta degli sviluppatori è stata impareggiabile - commenta Jobs - e una nuova generazioni di software renderà l'iPhone sempre più utile".

L'effetto Apple sul Nasdaq non è mancato. Nonostante il Dow Jones e l'S&P 500 hanno terminato le contrattazioni in leggero rialzo, il listino dei maggiori titoli tecnologici ha mancato il rimbalzo, cedendo circa lo 0,61 proprio in scia alle vendite che ha colpito il titolo del gruppo di Cupertino (-2,06%).

COMMENTA LA NOTIZIA