Apple e Amazon battono le attese ma con margini in calo

Inviato da Alessandro Piu il Gio, 24/04/2008 - 09:36
Quotazione: AMAZON COM

Sono ancora una volta le previsioni di scenario per i prossimi trimestri a deludere Wall Street che ieri nell'after hour ha penalizzato i titoli di due colossi della new economy, Apple e Amazon, dopo la presentazione delle relative trimestrali.

Il titolo della società produttrice di iPod e iPhone ha lasciato sul terreno oltre un punto percentuale dopo un primo movimento al rialzo del 4%, mentre Amazon ha perso circa il 5%.

Per Apple il secondo trimestre fiscale è terminato con una crescita dei profitti del 36% a 1,05 miliardi di euro, pari a 1,16 dollari per azione, dai 770 milioni di dollari (87 centesimi per azione). Sostanziosa anche la crescita dei ricavi, +43% a 7,51 miliardi di dollari. Il consensus di mercato si attendeva una crescita dei ricavi vicina ai 7 miliardi di dollari con un utile per azione a 1,07 dollari. Sul piatto negativo della bilancia, da segnalare la discesa del margine operativo lordo per la compagnia guidata da Steve Jobs, una riduzione dovuta, come sottolineato dal direttore finanziario, Peter Oppenheimer, a vendite inferiori alle attese del sistema operativo Leopard, una riduzione dei costi dei prodotti base della gamma iPod e un incremento dei ricavi provenienti da attività caratterizzate da margini bassi o nulli come i negozi online.

Sono state tuttavia le caute previsioni per il trimestre in corso ha deludere maggiormente Wall Street. Nel terzo trimestre fiscale Apple si attende 1 dollaro per azione di profitti e 7,2 miliardi di dollari di ricavi, stime inferiori a quelle previste dagli analisti di mercato.

Discorso simile per Amazon, che nel secondo trimestre del 2008 prevede una crescita dei ricavi compresa tra 3,88 e 4,08 miliardi di dollari, più elevata di quanto previsto dagli analisti, con una riduzione però dei margini di profitto che si dovrebbero attestare tra 120 e 160 milioni di dollari. Nel complesso dell'anno Amazon prevede ricavi tra 19,1 e 20 miliardi di dollari e un margine operativo tra 740 e 940 milioni di dollari, nella parte bassa della forchetta previsionale rilasciata a inizio anno.

Per quanto riguarda invece il primo trimestre dell'anno, Amazon ha portato a casa profitti per 143 milioni di dollari, pari a 34 centesimi per azione e in crescita del 30% rispetto allo stesso periodo del 2007. I ricavi sono passati da 3,02 miliardi di dollari da 4,13 miliardi. Gli analisti attendevano un utile per azione a 32 centesimi di dollaro.

COMMENTA LA NOTIZIA