1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Apple, accordo con China Mobile per vendita iPhone

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Colpo grosso per Apple. Dopo anni di negoziazione, il gruppo di Cupertino ha raggiunto un accordo per la vendita di iPhone attraverso la vasta rete di China Mobile, il più grosso operatore al mondo della telefonia mobile. La notizia ha confermato le indiscrezioni del Wall Street Journal circolate già la scorsa settimana. Così lo sconfinato mercato della telefonia mobile cinese si è aperto ufficialmente e pienamente alla statunitense Apple.
Secondo i termini del contratto, gli ultimi due modelli di Apple, l’iPhone 5s e il 5c, saranno finalmente distribuiti da China Mobile a partire dal prossimo 17 gennaio, anche se gli ordini partiranno già da questo mercoledì. I dettagli finanziari dell’accordo, che copre diversi anni, non sono stati invece specificati nella nota diffusa ieri. Ma in ogni caso, il contratto permetterà al gruppo della Mela morsicata di raggiungere milioni di nuovi consumatori sul mercato cinese, che rappresenta l’ultima cruciale frontiera per rastrellare miliardi di dollari di ricavi. 
China Mobile conta oltre 700 milioni di abbonati. Con questi numeri la compagnia asiatica è il principale operatore mobile a livello globale per numero di utenti. L’accordo permette così ad Apple di accedere a un bacino di potenziali utenti sette volte superiore a quello di Verizon Wireless, il principale operatore telefonico a stelle e strisce. “La Cina è un mercato estremamente importante per Apple e la nostra partnership con China Mobile ci dà la possibilità di consegnare l’iPhone ai consumatori della più grande rete mobile del mondo”, ha commentato l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook. “Gli utilizzatori di iPhone in Cina sono un gruppo entusiasta e in rapida crescita”, ha sottolineato. 
Finora Apple aveva stretto accordi di partnership con due operatori minori dell’ex Celeste Impero, China Unicom e China Telecom. Ma la Cina rappresenta un mercato troppo importante per Apple e il solo Paese insieme agli Stati Uniti a pesare più del 10% sul fatturato del gruppo statunitense.