Appello della Corte dei Conti: troppo rigore fa male, si torni a guardare alla crescita

Inviato da Marco Barlassina il Mar, 02/10/2012 - 15:39
"Non possiamo affermare con certezza che la crisi finanziaria sia ormai alle nostre spalle, ma certamente lo stato di allarme, almeno per la nostra economia, sembra essersi attenuato. Sul fronte delle prospettive economiche, al contrario, il peggioramento rispetto all'aprile scorso appare assai netto e, per l'Italia, particolarmente difficile". E' un passaggio dell'audizione presso le Commissioni Bilancio della Camera e del Senato del Presidente della Corte dei conti, Luigi Giampaolino. Per reagire - ha spiegato Giampaolino - l'Italia ha bisogno che la politica economica torni a guardare alla crescita e non solo al rigore.
 
Il presidente della Corte ha auspicato che l'impostazione della politica economica (soprattutto della politica di bilancio), non sia più costretta dalla sola spinta dell'emergenza, ma riacquisti gradualmente un segno di maggiore equilibrio, recuperando le condizioni per la crescita economica, "secondo le linee efficacemente tracciate dal Governo stesso".

Nell'ultimo biennio - si legge nel testo dell'audizione diffuso dalla Corte - l'efficacia delle misure rilevanti di contenimento della spesa pubblica si è tradotta in una riduzione in valore assoluto delle uscite totali al netto degli interessi. Ma in un contesto di riduzione del Pil in termini reali, la quota della spesa sul prodotto è rimasta al di sopra dei livelli pre-crisi.

L'urgenza di corrispondere alle richieste dell'Europa ha, dunque, indotto a ricorrere pesantemente al prelievo fiscale, forzando una pressione già fuori linea nel confronto europeo e generando le condizioni per un ulteriore effetto recessivo. Esisterebbe quindi il pericolo di un corto circuito rigore/crescita, favorito dalla composizione delle manovre correttive. Secondo i dati della Corte le manovre sarebbero per quasi il 70% affidate, nel 2013, ad aumenti di imposte e tasse, con la pressione fiscale prevista oltre il 45%nell'intero triennio 2012-2014.

"Lo stesso orientamento dei mercati - ha aggiunto Giampaolino - appare sempre più influenzato dalla percezione negativa delle prospettive di crescita di paesi come l'Italia o la Spagna ed anche dall'impressione che l'alto livello della pressione fiscale sia destinato a perdurare, in ragione della difficoltà di andare oltre l'attuale compressione della spesa pubblica, se non ripensando radicalmente il perimetro entro il quale dovrebbero svilupparsi gli interventi dell'operatore pubblico".

COMMENTA LA NOTIZIA