Antonveneta resta senza consiglio

Inviato da Redazione il Mar, 07/06/2005 - 09:07
Il curatore e Abn chiedono che ritorni in carica il vecchio consiglio di amministrazione. La Lodi che il collegio sindacale prenda in mano le redini della banca e convochi una nuova assemblea. E nel frattempo chi deve decidere nel merito, il giudice di Padova si ritira a casa per deliberare entro una settimana "in piena tranquilla". Insomma il groviglio Antonveneta continua e a un mese dall'ultima assemblea l'ottava banca italiana si trova ancora senza un consiglio di amministrazione. L'istituto è finito in una situazione di commissariamento dopo che la Banca Popolare di Lodi è riuscita a far eleggere un cda a lei favorevole con un'azione di concerto sanzionata dalla Consob. E mentre impazza la battaglia legale, continuano gli iter autorizzativi necessari alla Lodi per lanciare l'Opas a 26 euro e l'Opa obbligatoria a 24,47 euro. Dopo aver depositato il nuovo prospetto per l'offerta di scambio in Consob la Lodi attende ora il via libera di Banca d'Italia atteso per metà mese. Toccherà al governatore Antonio Fazio dire se il comportamento di Fiorani, già sanzionato dalla Consob è stato corretto.
COMMENTA LA NOTIZIA