1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Antonveneta, RasBank “neutral” dopo ultimi colpi di scena

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ulteriore colpo di scena nella conquista di AntonVeneta. La procura di Milano ha sequestrato i titoli della banca padovana in mano agli azionisti del patto parasociale, Bpi (ex Popolare di Lodi) e soci, congelando così il 40% del capitale. Le indagini hanno accertato, grazie ad intercettazioni telefoniche tra i protagonisti della scalata, l’acquisto orchestrato delle azioni della banca padovana a partire da novembre scorso. Del 40% di titoli AntonVeneta congelati, il 29% fa capo alla Bpi di Gianpiero Fiorani, mentre l’altro 11% è suddiviso fra Gnutti, Coppola, Ricucci e i fratelli Lonati. Secondo la procura di Milano AntonVeneta era già nelle mani della Bpi ad aprile, prima del lancio dell’offerta. Intanto, domani è in programma l’assemblea, in seconda convocazione, del’istituto patavino, chiamato a rinnovare il consiglio di amministrazione. Alla luce del congelamento del 40% del capitale di AntonVeneta gli olandesi potranno deliberare “indisturbati” il rinnovo del loro consiglio. “Difficile analizzare i risvolti legali della complessa situazione”, esordiscono così gli analisti di RasBank, che proseguono affermando che “di fatto quest’ulteriore colpo di scena potrebbe riaprire i giochi per Abn Amro”. “Sulla notizia il titolo AntonVeneta potrebbe reagire in modo positivo, considerando il valore dell’Opa cash degli olandesi a 26,5 euro per azione”, proseguono gli esperti della sim milanese, che su AntonVeneta confermano la raccomandazione “neutral”.