1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Antonveneta, le due Opa targate Lodi sotto la lente Consob e Bankitalia

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Non in prima, ma in seconda convocazione. L’assemblea di AntonVeneta per l’elezione del cda, ieri andata deserta, si terrà domani. E di fatto apre la conquista della banca padovana. L’intervento della Procura di Milano che ieri ha posto sotto sequestro i titoli dell’intero fronte fedele a Giampiero Fiorani, numero uno della Popolare Italiana, ha rimesso in gioco gli olandesi di Abn Amro. Domani quando si riuniranno i soci, che dovranno decidere i nuovi consiglieri della banca, oltre il 40% del capitale che fa capo al fronte lodigiano non potrà votare. Appare scontato che gli olandesi con il loro 30% si aggiudicheranno il cda dell’istituto, ingarbugliando ancor di più una situazione già intricata. La conquista da parte degli olandesi non risolve la questione. Il nodo verte sulle due offerte in corso della Popolare Italiana, grazie alle quali qualora la banca di Fiorani dovesse tornare in possesso dei titoli potrebbe ugualmente raggiungere il controllo. Alla fine il via libera nella conquista di AntonVeneta spetterà ancora alla Consob e alla Banca d’Italia. Oggi si riuniranno i commissari per decidere in base all’articolo 102 del Testo Unico se sospendere le Opa in via cautelare o dichiararle decadute per il “fondato sospetto di violazione delle disposizioni delle norme regolamentari”.