1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Antonveneta, Fiorani al contrattacco

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ancora fermento su Antonveneta. I 6,3 miliardi cash messi sul piatto dagli olandesi di Abn Amro non sembrano aver fermato le ambizioni di Giampiero Fiorani. Nella seduta di lunedì 4 aprile sono transitati ai blocchi per mezzo di un unico contratto 6 milioni di azioni Antonveneta ad un prezzo unitario di 25 euro, prezzo equivalente a quello dell’Opa promossa da Abn Amro. Si tratta per l’esattezza del 2,08% del capitale dell’istituto padovano, e sembra probabile che tale quota sia passata in mano alla Popolare di Lodi. Se così fosse, l’istituto lodigiano, che ufficialmente detiene il 5% di Antonveneta, sarebbe salito ad oltre il 7%, ma a cavallo tra fine marzo e inizio aprile Fiorani avrebbe messo le mani su un altro 3% circa di Antonveneta, e l’obiettivo sarebbe quello di raggiungere al più presto quota 15%. Nel complesso, Fiorani saebbe in grado di raggruppare intorno a se alleati che porterebbero il suo schieramento ad oltre il 40% del capitale. A quel punto, bisognerà vedere se la Pop Lodi avrà il coraggio di rilanciare rispetto ai 25 euro offerti dagli olandesi o studi ipotesi alternative. Nella stessa seduta di lunedì 4 aprile , il titolo Antonveneta si è smosso dal prezzo di Opa chiudendo a 25,5 euro, segnale che il mercato crede in nuovi sviluppi e nella possibilità di rilanci. Da non sottovalutare l’opzione di una tregua armata tra i due contendenti, con un’alleanza Lodi-Abn al timone di Antonveneta.