Antonveneta, dalle carte spuntano i nomi dei politici

Inviato da Redazione il Gio, 15/12/2005 - 08:41
Su ordine dei sostituti procuratori milanesi, Eugenio Fusco e Giulia Perrotti, sono stati setacciati uffici e abitazioni di alcuni degli indagati nell'ambito dell'inchiesta che ha portato in carcere anche l'ex amministratore delegato di Banca Popolare Italiana, Gianpiero Fiorani, e l'ex direttore generale, Gianfranco Boni. Gli interrogatori degli arrestati dovrebbero cominciare domani a San Vittore. Nella documentazione sequestrata gli investitori cercheranno nuove tracce sulle irregolarità nella scalata Antonveneta e sugli illeciti arrichimenti. Ma soprattutto cercheranno nuovi elementi per delineare con maggiore precisione il ruolo dei "politici di livello nazionale" che, secondo uno dei testimoni, avrebbero tratto "ingenti profitti da dette operazioni", come scrive il gip, Celementina Forleo, nell'ordinanza di custodia cautelare, dove i nomi di chi ha ricevuto tali finaziamenti sono coperti da "omissis".
COMMENTA LA NOTIZIA