Antonveneta, Abn Amro va al contrattacco

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La partita Antonveneta-Lodi riserva sorprese. Giampiero Fiorani, numero uno dell’istituto popolare, vorrebbe salire al 30% a fusione fatta. In altre parole tradotto in olandese significa che Abn vedrebbe diluita la sua partecipazione dall’attuale 12,67% sotto il 10%. Certo resta un potenziale 8% nell’ipotesi di conversione delle obbligazioni già in portafoglio in Abn Amro. E gli olandesi potrebbero mantenere inalterata la posizione attuale, ma perderebbero il primato di primo azionista che diventerebbe di gran lunga la banca di Fiorani. Epilogo: il socio olandese non vuole giocare la partita in panchina e così starebbe pensando ad un’azione di contrattacco. Secondo ultimissime indiscrezioni Abn Amro starebbe lavorando sodo a un nuovo patto di sindacato che comprenderebbe Lloyd e parte degli azionisti di Deltaerre. Giampiero Fiorani e Piero Montani sono avvisati.