Annuncio shock da Citigroup: 50mila dipendenti verso il licenziamento

Inviato da Redazione il Lun, 17/11/2008 - 16:26

Citigroup pensa di ridurre il proprio organico del 20%, con un piano di licenziamenti per 50mila dipendenti che dovrebbe portare il numero complessivo dei suoi impiegati a 300mila. Il gruppo, pur non indicando l'orizzonte preciso del piano, nel corso di un meeting con i dipendenti ha fatto riferimento a un intervento diretto a ridurre i costi nel breve periodo. Agli esordi della crisi, alla fine del terzo trimestre 2007, il personale aveva raggiunto un massimo di 375mila unità, progressivamente ridotto nel corso dei mesi. Si tratterebbe quindi di un ridimensionamento del 20% dai picchi. Nel piano di ristrutturazione presentato, Citigroup prevede che per effetto del Tarp, il piano di ricapitalizzazione del sistema bancario promosso dal governo Usa, il Tier 1 salirà al 10,4%. Secondo i dati pro-forma riferiti al terzo trimestre, il coefficiente si posizionerebbe all'8,2%.

Restando nel comparto bancario, Goldman Sachs sempre nel corso del 2008 Goldman Sachs ha annunciato licenziamenti per 3200 posizioni e American Express per 7mila. Ma i tagli hanno riguardato anche colossi non appartenenti al settore del credito. E' il caso di Hewlett Packard (24mila licenziamenti), Whirlpool (5mila) o Sun Microsystems.

Intanto oggi Goldman Sachs e Ubs hanno annunciato il taglio dei bonus 2008 per il management. La banca svizzera prevede addirittura di bloccarne la distribuzione nel 2009.

COMMENTA LA NOTIZIA