1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Ancora una seduta pesante per le Borse europee, giù il comparto minerario

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Nuova seduta e nuova chiusura in rosso per le Borse europee, condizionate anche oggi dalle performance altalenanti di Wall Street. Dopo una decisa accelerazione al ribasso andata in scena nel tardo pomeriggio, i listini continentali hanno terminato gli scambi con cali superiori all’1%. Se Piazza Affari è stata la peggiore del Vecchio Continente, con il Ftse Mib in flessione del 2,89%, a Francoforte, il Dax è indietreggiato dell’1,86% a 4.799,98 punti. Scambi in rosso anche per il Ftse che ha lasciato sul parterre l’1,16% a 4.278,46 punti e per il francese Cac40 che ha terminato a -1,64%, con 3.161,14 punti. Anche oggi le vendite si sono abbattute sui titoli minerari. A Londra, Anglo American e Lonmin hanno perso rispettivamente il 6,25% e l’8,46%. Seduta ribassista anche per Bhp Billiton (-3,85%) e Rio Tinto (-23,86%). Per quest’ultima bisogna tenere in considerazione lo stacco dei diritti. Raffica di vendite sulla spagnola Iberdrola (-6,09%). A pesare come un macigno è l’aumento di capitale, annunciato ieri. L’operazione avverrà attraverso l’emissione e la vendita di nuove azioni Iberdrola per un controvalore di almeno 1,25 miliardi di euro. Sulla Borsa di Parigi Michelin ha accusato una contrazione del 4,74% a 40,94 euro. In questo caso ad appesantire l’azione è stato l’annuncio di un piano di ristrutturazione che prevede un taglio della forza lavoro pari a 1.093 unità negli stabilimenti francesi.
In Europa, tra le poche note positive della giornata il comparto telefonico. Denaro su Deutsche Telekom (+2,07%) e France Telecom (+1,58%). In salita anche le britanniche Bt (+3,02%) e Vodafone (+3,71%).