1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Indici e quotazioni ›› 

Ancora segni meno per gli indici di Wall Street

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Wall Street ha terminato la passata settimana in territorio negativo in scia delle tensioni che stanno penalizzando i mercati europei ed il comparto finanziario a Wall Street, dopo che il New York Times ha riportato la notizia secondo cui la Procura di New York avrebbe aperto un’indagine su big del calibro di Citigroup (-2,57%), Goldman Sachs (-0,87%), Merrill Lynch (-6,22%) e Morgan Stanley (-1,99%). Venduto anche il comparto delle carte di credito, con il Senato che ha votato per mettere un tetto alle commissioni sulle transazioni senza utilizzo del contante (-5,07% per American Express e -9,88% per Visa). Dal fronte macro, migliore del previsto il +0,4% delle vendite al dettaglio ed il +0,8% della produzione industriale, in linea con le attese il +0,4% delle scorte delle imprese e di poco sotto il consenso i 73,3 punti della fiducia dei consumatori dell’Università del Michigan (preliminare). Il Dow Jones ha terminato in calo dell’1,51% a 10.620,16 punti, -1,88% dello S&P a 1.135,68 e -1,98% del Nasdaq a 2.346,85. Tra gli altri titoli, -11,54% per Nvidia, che a margine della presentazione dei conti (eps a 23c da -37c e ricavi balzati da 664 mln a 1 mld) ha annunciato un calo delle vendite compreso tra il 3 ed il 5 per cento nel trimestre in corso.