1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Anche asta Btp non risente di tensioni politiche. Triennale collocato a rendimento minimo da 2010

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN
Ancora riscontri positivi dalle aste di titoli di stato italiane. L’asta di Btp tenuta oggi dal Tesoro ha confermato il trend di discesa del costo di finanziamento del debito con i titoli triennali collocati al rendimento minimo da ottobre 2010. Complessivamente collocati Btp per 4,22 miliardi di euro, lievemente sotto il top della forchetta prevista che era 3-4,25 mld. Sostenuta la domanda soprattutto per il Btp a lunga scadenza (2026) con le richieste pari a quasi 2 volte il quantitativo allocato. “L’esito dell’asta non ha risentito delle tensioni politiche dell’ultima settimana – commenta a caldo Vincenzo Longo, market strategist di IG – con la domanda rimasta abbastanza sostenuta, soprattutto sul titolo a lungo termine”. “Positivo è il continuo steepening della curva dei rendimenti – ha aggiunto Longo – a conferma che il rischio Paese sta scendendo“. Ieri il Tesoro aveva collocato Bot annuali per 6,5 mld di euro al rendimento minimo da marzo sotto quota 1,5%.

Rendimento del Btp triennale scende al 2,5%
Il Tesoro ha collocato oggi Btp triennali (scadenza dicembre 2015) per 3,496 miliardi di euro, a un soffio dal massimo del range previsto che era tra un minimo di 2,5 mld e un massimo proprio di 3,5 mld. Il rendimento medio di assegnazione è stato del 2,50% rispetto al 2,64% dell’asta di titoli di stato di analoga durata tenuta lo scorso 14 novembre. Si tratta del rendimento di assegnazione minimo dall’ottobre 2010. La domanda per i Btp triennali è stata pari a 1,359 volte il quantitativo offerto, in lieve diminuzione rispetto al bid to cover di 1,5 dell’asta di novembre. Collocati anche Btp 2026 per 729 mln di euro al rendimento del 4,75% e con bid-to-cover di 1,977.
Le ultime aste italiane del 2012 sono in agenda a fine mese il 27 quella di CTZ e BTP€i e il 28 quella di Btp a medio-lungo termine. Oggi il Tesoro ha reso noto anche il calendario delle emissioni per il 2013 (link).

In Spagna assegnati bond per oltre 2 mld, rendimento triennale al 3,35%
Oggi era in programma anche un’asta spagnola. Madrid ha collocato sul mercato titoli di Stato a media-lunga scadenza (2015, 2017 e 2040) per un ammontare complessivo poco superiore ai 2 miliardi di euro, al top del range di emissione 1-2 mld di euro che aveva in programma il Tesoro spagnolo. Collocati bond 2015 per 681 mln di euro con rendimento pari al 3,358% dal 3,39% della precedente asta di titoli con analoga durata. Allocati anche bond 2017 per 803 mln di euro al rendimento medio del 4,2% e bond 2040 per 540 mln di euro al rendimento del 6,893%. Il tasso di copertura dell’offerta (bid to cover ratio) per i titoli con scadenza 2015 si è attestato a 4,8 volte, per il quinquennale a 3,1 e per il bond 2040 a 2,1.