1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Analisti compatti su Enel Green Power, titolo farà meglio del mercato

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Pioggia di giudizi positivi su Enel Green Power, la controllata del colosso elettrico italiano attiva nel business delle energie rinnovabili. Questa mattina Intermonte, Jp Morgan e Barclays hanno avviato la copertura sull’azione e le loro view galvanizzano Green Power a Piazza Affari, dove mostra un progresso dell’1,55% a 1,633 euro. “Noi iniziamo la copertura su EGP con raccomandazione outperform e un target price a 1,80 euro – è il giudizio di Intermonte -. Siccome i multipli di mercato di EGP sono attualmente inferiori a quelli dei principali competitor e la società è molto esposta allo scenario bullish del prezzo del petrolio, noi crediamo che rappresenti uno dei più attrattivi player europei del comparto”.
 
Jp Morgan e Barclays hanno invece iniziato la copertura su Green Power con rating overweight e prezzo obiettivo rispettivamente indicato a 2,05 euro e a 1,90 euro. Gli analisti sottolineano lo sconto della controllata di Enel rispetto ai competitor del Vecchio Continente, come Iberdrola e Edp Renovaveis, e la sua particolare struttura societaria. Green Power, infatti, è una società atipica rispetto ai principali concorrenti europei attivi nelle rinnovabili: Iberdrola, Edf Energies Nouvelles e Edp hanno un’esposizione verso il business eolico pari a circa il 90%. In sostanza, dipendono maggiormente dai sussidi pubblici elargiti dai Governi.
 
Green Power, invece, mostra un migliore mix produttivo e geografico: la società produce infatti energia per il 57% da impianti idroelettrici e geotermici, mentre l’eolico pesa per il 41%. Nel periodo 2010-2014, Green Power investirà 5,2 miliardi di euro, dei quali il 25% saranno effettuati in Spagna. Per quanto riguarda il Sud America, il focus per Brasile e Messico sarà il business eolico, mentre per il Cile sarà il geotermico. La società, come spiegato dal management durante il giorno dello sbarco a Piazza Affari, finanzierà la sua crescita attraverso il flusso di cassa e non, quindi, attraverso l’emissione di bond e azioni.
 
Secondo il piano industriale, entro il 2014 la capacità installata di Green Power salirà a 9,2 GW dagli attuali 5,7 GW, mentre l’Ebitda è visto a 1,4 miliardi di euro nel 2011 e 2,1 miliardi nel 2014. Questa mattina a Piazza Affari viaggia in deciso rialzo anche la controllante Enel (+2,04% a 3,995 euro), tornando su livelli che non raggiungeva dallo scorso novembre. Goldman Sachs ha inserito il titolo del colosso guidato Fulvio Conti nella propria “buy list” con un prezzo obiettivo fissato a 5 euro.