1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Valute e materie prime ›› 

Alluminio: Citi vede rischio legato a calo dell’import cinese nei prossimi mesi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli analisti di Citigroup hanno fatto oggi il punto sulle prospettive dell’alluminio. Nel breve non sono previsti impatti sui prezzi del metallo in seguito alle conseguenze del grave incidente avvenuto nella più grande centrale idroelettrica del paese, quella di Sayano-Shushenskay, nella Siberia meridionale. La centrale è la principale fonte energetica per 2 dei maggiori impianti estrazione e trasformazione dell’alluminio che fanno capo a Rusal, numero uno mondiale nella produzione di alluminio. Il rischio è quello di calo dei livelli di produzione nel corso della stagioen invernale, ma secondo Citi impattisui prezzi dell’alluminio si potrebbero vedere col tempo se ci sarà un forte rimbalzo della domanda. Citi prevede un aumento della produzione di alluminio in Cina su aumento dei prezzi e diminuzione dei costi energetici. Invece l’import di alluminio è atteso in calo nei prossimi mesi con l’arbitraggio Shfe/Lme che è stato chiuso. Calo dell’import, abbinato all’aumento delle scorte, che dovrebbe incidere sui prezzi e rende Citigroup diffidente circa il potenziale di ulteriore upside dei prezzi dell’alluminio.