Alitalia: via libera dal Cda di Etihad all’intesa, in vista 2.600 esuberi (Il Messaggero)

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Sarebbe fatta tra Etihad ed Alitalia. Secondo infatti quanto scrive Il Messaggero, il consiglio di amministrazione della compagnia di Abu Dhabi lunedì scorso avrebbe dato il via libera al matrimonio con il vettore nazionale. La lettera d’intenti, che secondo il quotidiano romano sarebbe in arrivo, conterrebbe tutti i passi per arrivare all’alleanza strategica. Come anche questioni di giorni sarebbe l’annuncio ufficiale, che potrebbe essere dato dal premier Matteo Renzi.

A questo punto rimarrebbero da sciogliere solo nodi marginali visto che, scrive Il Messaggero, nei fatti pressoché tutti i desiderata degli arabi sono stati accolti. Primo tra tutti quello sul nodo esuberi. Etihad ne ha chiesti circa 3 mila mentre Gabriele Del Torchio, Ad di Alitalia, è fermo a quota 2.600. Da Abu Dhabi sarebbe arrivata la disponibilità a trovare un compromesso, accettando la possibilità di modulare i risparmi, rispettando contestualmente l’indicazione sui tetti di spesa. Il giornale ricorda che per acquistare fino al 49% di Alitalia, la compagnia emiratina ha ottenuto anche il taglio secco dei contenziosi fiscali e legali del passato.

Ci sarebbe inoltre un fondo rischi appositamente costituito nella old company, insieme ad un altro fondo che garantirà Etihad dalle eventuali perdite del 2014. Da parte loro gli arabi, prosegue il quotidiano, investiranno circa 550 milioni per trasformare Alitalia in una compagnia a 5 stelle in cinque anni, con più rotte e più destinazioni intercontinentali. Il superhub sarà invece Fiumicino, con il rafforzamento anche di Linate e Malpensa.