Alitalia, in corsa anche la russa Aeroflot e Mediobanca

Inviato da Daniela La Cava il Lun, 02/04/2007 - 13:23
Quotazione: ALITALIA

La corsa per la privatizzazione di Alitalia entra nel vivo. È scaduto, oggi alle 11, infatti, il termine massimo, per le cordate in gara per controllare la compagnia di bandiera italiana, per comunicare il loro assetto definitivo.

Ma chi sono i pretendenti di Alitalia? Al momento, dopo l'uscita di scena, nei giorni scorsi, del gruppo guidato dal fondo Management&Capitali dell'imprenditore Carlo De Bendetti, i riflettori sono tutti puntati sul gruppo Unicredit. L'istituto di Piazza Cordusio aveva già comunicato precedentemente di lavorare con altri "clienti" su questo fronte e oggi è stato svelato il nome. Ad affiancare Unicredit nella gara che deciderà il futuro della società guidata da Libonati, sarà la compagnia russa Aeroflot. In pratica, Unicredit comprerà il 5% delle azioni mentre il restante 95% andrà alla compagnia russa. È quanto ha dichiarato Sergio Ermotti, vicedirettore Unicredit e capo dell'investment banking.

Ma le novità conitnuano. Come era stato già anticipato dalla stampa, anche Mediobanca entra nell'affare Alitalia. E lo fa alleandosi con i fondi statunitensi Texas Pacific Group e Mattlin Patterson. Preso atto dell'addio di De Benedetti le cordate sono, dunque, tre: un numero che non dovrebbe più subire variazioni perché è scaduto il termine per le comunicazione a Merrill Lynch, advisor nominato dal Tesoro.

Dopo la short list e l'invio al Tesoro della lettera di procedura, utile a valutare i pretendenti che abbiano risposto ai requisiti richiesti dal bando di gara, si passa alla fase tre. Le procedure continueranno e il passo successivo prevede la presentazione entro il 16 aprile delle offerte non vincolanti, accompagnate dalle strategie previste per il rilancio della società rendendo noto un piano economico-finanziario dal 2007 al 2012, e uno industriale preliminare con primi obiettivi da raggiungere nel triennio successivo. La chiusura definitiva della gara è fissata in modo indicativo entro giugno, periodo in cui saranno presentate le offerte vincolanti.

Intanto, Borsa Italiana ha reso noto in una nota che il titolo Alitalia e relativi strumenti derivati sono sospesi in attesa che la società di Via della Magliana dalla società. Seguiranno i nuovi orari dalla seduta. Il titolo ha fatto registrare un ultimo scambiato alle ore 11:46 a quota 0,9860 euro, +4,45%.

COMMENTA LA NOTIZIA
starfalcioni scrive...
ulisse3000 scrive...
Piramidas scrive...
codam scrive...