Alitalia, Evergreen in pista con la carta Singapore Airlines

Inviato da Redazione il Mar, 11/12/2007 - 09:23
Non mancano di certo i colpi di scena nell'affaire Alitalia. Per mesi e mesi i nomi dei pretendenti per la compagnia di bandiera si sono succeduti a ritmo vertiginoso e ora che l'ennesima scadenza per la presentazione delle offerte è passata, spunta anche il nome del guru George Soros. Un nuovo pretendente dell'ultimo minuto che potrebbe sparigliare le carte in tavola ad Air France e Co. Secondo quanto riportato da Finanza & Mercati, a ore dovrebbe arrivare sul tavolo del presidente di Alitalia, Maurizio Prato, la nuova offerta non vincolante da parte di Quantum Group, uno dei colossi d'investimento più aggressivi degli Stati Uniti. Per l'occasione Quantum metterebbe in pista il fondo Evergreen in cordata con un altro fondo d'investimento, la Thl che ha già in portafoglio partecipazioni rilevanti in Cathay Pacific, American, Delta, United e Singapore Airlines. I rappresentanti italiani della cordata avrebbero contattato Maurizio Prato già nel corso dello scorso mese, ma i primi assalti sarebbero stati rispediti al mittente per la mancanza di un partner industriale nella cordata. Ora la cordata avrebbe invece trovato in Singapore Airlines l'appoggio necessario per rendere l'offerta più appetibile agli occhi di Alitalia. La compagnia orientale si sposerebbe ben con il vettore italiano e Arun Savkur, direttore di Evergreen Fund, starebbe lavorando per una strategia di focalizzazione del business di Alitalia su specifici mercati e volta a contenere i costi e migliorare la voce ricavi nei prossimi 10 anni facendo leva sull'utilizzo combinato di flotte e degli aeroporti italiani.
COMMENTA LA NOTIZIA