1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Alitalia: decisione Antitrust su Volare “anomala”

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Una nota emessa dalla compagnia aerea di bandiera ha commentato la decisione della Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato relativa al caso Volare annunciata ieri.
Alitalia definisce tale decisione “anomala” e resa ancor più complessa dal collegamento della stessa con l’ordinanza del Consiglio di Stato del 23 maggio scorso che aveva sospeso gli atti amministrativi che hanno legittimato la cessione del Complesso Aziendale di Volare. La decisione, sempre secondo Alitalia, ha “innescato un’incertezza di per sé già pesantemente negativa sul futuro dell’impresa”.
Secondo quanto precisato “si continua ad approcciare il trasporto aereo nazionale basandosi su percezioni di natura pregiudiziale – a conferma delle inusitate esternazioni che lo stesso Presidente dell’Autorità ha rilasciato il 10 maggio quando l’operazione era stata ancora appena notificata – che trascurano una rigorosa analisi professionale coerente con i precedenti comunitari e della stessa Autorità nazionale, che penalizzano pesantemente il vettore aereo nazionale di riferimento, discriminandolo ulteriormente rispetto agli altri vettori di riferimento europei”.
Alitalia ha inoltre posto l’accento sulle “valutazioni delle regole di accesso dell’aeroporto di Linate (il c.d.”Decreto Bersani 2″) risalenti a segnalazioni dell’Autorità del 2003, circa l’effetto distorsivo derivante dall’assegnare gli slots al singolo vettore anziché ai gruppi societari aggreganti più vettori. Segnalazioni che non hanno avuto alcuna eco sul regolatore, sono state smentite da un giudizio amministrativo articolatosi sino a pronuncia passata in giudicato del Consiglio di Stato e che hanno contraddetto due decisioni della Commissione Europea e ben cinque decreti ministeriali delle competenti Autorità di regolazione”.