1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Alitalia: 15 giorni per prime offerte. Commissari tenteranno drastico taglio costi e tariffe più convenient

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Corsa contro il tempo per salvare Alitalia. Il governo ha imposto una timeline molto breve ai commissari per avviare l’ietr di vendita della compagnia di Bandiera. I tre commissari, oltre a dover assicurare la regolare operatività, hanno 15 giorni per sondare il mercato e cercare di raccogliere le prime offerte.  Il governo, che nel frattempo ha varato un prestito ponte da 600 milioni di euro per mantenere in vita Alitalia, guarda a possibili interessi da parte di altri vettori con la preferenza di una soluzione che porti a una vendita in toto di Alitalia.

Il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, ha detto che entro 15 giorni ci sarà l’apertura del bando per le manifestazioni di interesse. Inoltre, in un’intervista al Sole 24 Ore, il ministro ha rimarcato che la proposta dell’ex premier Matteo Renzi sarà valutata con grande attenzione, quando arriverà. “Vediamo cosa offre il mercato, facciamo lavorare i commissari”, ha aggiunto Calenda.

Commissari al lavoro, focus su operatività e taglio costi
Oggi intanto è previsto un incontro tra i tre commissari Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari che valuterano le necessità operative immediate attingendo al prestito ponte da 600 mln. Le necessità operative immediate vanno dal pagamento degli stipendi all’acquisto del carburante per i voli; poi, rimarca Il Messaggero, si dovrà fare un piano di lavoro per impostare la ristrutturazione che comporterà interventi drastici non solo sul fronte dei costi, a cominciare dai contratti di leasing degli aerei, ma sulla ripresa dei ricavi. I commissari, rimarca il quotidiano romano, sono convinti ci sia spazio per far leva soprattutto su questa voce, attraverso la semplificazione delle tariffe, da rendere più convenienti.

Quanto vale ad oggi Alitalia? Stando ai numeri riportati oggi dal Corriere della Sera, il valore di Alitalia staziona in area un miliardo di euro. Tale “valore di partenza” comprende 800 milioni relativi alla flotta, contenuti nella capogruppo e nelle sue controllate tra cui Alitalia CityLiner e la Challey Limited con sede a Dublino.