1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Al via tra Bankitalia e Bruxelles la partita delle Authority

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Prima parola alla Consob, poi a Bankitalia. Ma il verdetto finale è comunitario. Se poi sarà politico o giudiziale si vedrà tra circa un mese. Gli spagnoli del Bilbao hanno depositato le carte dell’Ops in un baleno, contestualmente con l’annuncio al mercato. Da ieri scatta dunque la tempestica per decidere se l’offerta può partire se l’offerta può partire, da ieri il confronto-scontro tra le autorità italiane e quelle comunitarie ha un campo di gioco formale, una congerie di norme e regole, uno stuolo di avvocati e consigliori. I documenti dell’Ops sulla Lavoro sono già in Consob, in Bankitalia e all’Antitrust Ue. Alla commissione guidata da Lamberto Cardia tocca l’esame della correttezza del prospetto informativo dell’offerta entro 15 giorni. E’ arduo che la Consob abbia qualcosa da ridire. A via Nazionale invece la direttiva bancaria riserva il nulla osta “prudenziale”, su piano industriale e contenuti dell’offerta. Antonio Fazio ha trenta giorni per dire sì, ma probabilmente prenderà tempo chiedendo nuova documentazione al Bbva. Se Fazio però la bloccasse, spetterebbe ai due commissari europei, Charlie McCreevy al mercato, Neelie Kroes alla concorrenza, passare al vaglio delle norme comunitarie le sue decisioni. Un mese di tempo ha pure Bruxelles, investita dall’operazione perché sfora i 5 miliardi di euro di ricavi tra i due aggregati e ha dimensioni comunitarie.