1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Air Liquide: start up della più grande unità di elio al mondo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il Gruppo Air Liquide ha avviato l’unità di purificazione e liquefazione dell’elio più grande al mondo, progetto realizzato nella zona industriale di Ras Laffan, in Qatar. La capacità di produzione della nuova unità è di circa 38 milioni di metri cubi di elio all’anno.

Si tratta dell’impianto più grande al mondo, lungo 20 metri ed alto più di 8 metri. Le sofisticate tecnologie usate per purificare e liquefare l’elio a temperature molto basse (-269°C) sono brevettate da Air Liquide. L’impianto di liquefazione dell’elio è gestito da RasGas.

La capacità di produzione combinata di questa nuova unità e dell’unità già esistente sul sito sarà di circa 58 milioni di metri cubi all’anno, rendendo il Qatar il secondo maggiore produttore al mondo di elio con il 25% dell’attuale produzione globale.

In base ad un accordo a lungo termine con RasGas e Qatargas, Air Liquide acquisterà il 50% dei volumi di elio prodotti da questa nuova unità e dall’unità esistente. L’accesso a questa importante fonte di elio posizionerà il Air Liquide come uno dei principali protagonisti del mercato mondiale dell’elio.

Questa messa in servizio rappresenta il prossimo passo verso la stabilità del mercato dell’elio. La domanda mondiale di elio è rimasta sostenuta negli ultimi dieci anni, mentre l’elio resta raro a livello mondiale. L’elio gioca un ruolo cruciale in una vasta gamma di prodotti e utilizzi: scanner a risonanza magnetica, semiconduttori, cavi in fibra ottica, esplorazione spaziale, ricerca scientifica, produzione di airbag e subacquea professionale.

François Darchis, Senior Vice-President del Gruppo Air Liquide e membro del Comitato Esecutivo, ha commentato la notizia ringraziando per “RasGas per la sua fiducia” e evidenziato come “Air Liquide è orgogliosa di aver contribuito a questo successo, che rafforza in modo significativo la nostra posizione di fornitori di elio a livello mondiale oltre che la nostra leadership in Medio Oriente”.