1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Mondo ›› 

Air France: a rischio 2.900 posti di lavoro nei prossimi due anni

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La compagnia aerea Air France prospetta un taglio di diversi posti di lavoro, forse 2.900. La notizia, riportata da diversi media francesi, deriva dal fallimento annunciato nella serata di ieri delle trattative con i sindacati dei piloti per adottare nuove misure di produttività, e del piano di ristrutturazione denominato “Perform 2020” per ridurre le sue attività nel 2016 e 2017 e tornare in un contesto di profittabilità. Pertanto ora il vettore transalpino si appresta a varare un corposo piano di taglio del personale. “Ci sarà, purtroppo, un significativo piano di riduzione dei posti di lavoro. Ne parleremo con i rappresentanti del personale lunedi 5 ottobre”, ha dichiarato all’emittente radiofonica Europe 1, Alexandre de Juniac, amministratore delegato della compagnia aerea. De Juniac ha inoltre affermato che anche se i negoziati con i piloti sono naufragati “la porta non è chiusa se i sindacati mostreranno una sincera volontà di trattare”.

Le cifre non sono state dichiarate dell’amministratore delegato, ma indiscrezioni riportate dall’agenzia di stampa Reuters e dai media francesi, parlano di 2.900 posti a rischio. “Il numero delle posizioni eliminate sarà di 300 piloti, 700 personale di cabina (assistenti di volo) e 1.900 a terra”, ha dichiarato uno dei sindacalisti.

Nel primo semestre 2015 Air France-Klm ha annunciato di avere registrato una perdita netta pari a 638 milioni di euro rispetto al risultato negativo di 619 milioni dei primi sei mesi del 2014, mentre la perdita operativa è passata a 232 milioni contro il rosso di 207 milioni del primo semestre dell’anno passato.