1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3.  ›› 

AGENDA DEL GIORNO: Piazza Affari sulle montagne russe

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

In balia della volatilità Piazza Affari è arrivata ieri a meno di 100 punti dai minimi storici del marzo 2009. L’inversione di rotta è arrivata al giro di boa di metà seduta dopo la decisione della Consob di vietare l’apertura di vendite allo scoperto di titoli finanziari fino al fine settimana. I titoli bancari sono stati il bersaglio principale delle vendite con Mps giunta a perdere oltre 9 punti percentuali ma anche il traino del recupero dell’indice dopo l’intevento Consob (sempre Mps è giunta a guadagnare il 6%). Anche l’Autorità di controllo dei mercati spagnoli ha deciso di bloccare le vendite allo scoperto. Il provvedimento vale in questo caso per l’intero listino.

Il tutto è avvenuto senza che vi siano state grandi novità o dichiarazioni sulla crisi del debito. Preoccupa la Spagna dove dopo Valencia anche la regione di Murcia ha chiesto l’aiuto dello Stato. Altre regioni si trovano in cattive acque. Se il malato grave è la Spagna, che potrebbe trascinare con se l’Italia, ormai in stato terminale è la Grecia. Da oggi i delegati della troika (Bce, Fmi e Ue) tornano ad Atene per cercare di correggere il piano economico per il riequilibrio dei conti pubblici del Paese. A Berlino è previsto un incontro tra il ministro dell’Economia spagnolo De Guindos e il ministro delle Finanze tedesco Schauble.

In calo anche Wall Street che guarda con preoccupazione all’Europa. New York non ha inoltre goduto in avvio del traino delle trimestrali. Il gigante McDonald’s ha infatti deluso le attese. Premiata dal mercato la trimestrale di Coca Cola. Oggi i risultati più importanti verranno comunicati da At&T ed Apple.

Nella seduta odierna l’appuntamento macroeconomico più importante è con le rilevazioni preliminari degli indici Pmi europei. Il consensus non mostra attese di recupero rispetto al dato del mese precedente. Nel corso della notte europea è stato diffuso il Pmi manifatturiero flash Hsbc della Cina per il mese di luglio. Il dato è risultato in crescita a 49,5 punti da 48,2 della rilevazione precedente.
Sul mercato obbligazionario la Spagna si presenta con un’emissione di titoli a breve termine per un ammontare tra i 2 e i 3 miliardi di euro. Gli spread ripartono da 503 punti per il BTp-Bund e da 611 per il Bonos-Bund. Da segnalare in serata la modifica dell’outlook da stabile a negativo, di Germania, Olanda e Lussemburgo da parte di Moody’s.

Appuntamenti in rilievo:

ZONA EURO

09:00 Francia: Pmi manifatturiero a luglio, preliminare. Consensus: 45,5

09:00 Francia: Pmi servizi a luglio, preliminare. Consensus: 47,5

09:30 Germania: Pmi manifatturiero a luglio, preliminare. Consensus: 45,1

09:30 Germania: Pmi servizi a luglio, preliminare. Consensus: 50

10:00 Euro: Pmi composite a luglio, preliminare. Consensus: 46,4

10:00 Euro: Pmi manifatturiero a luglio, preliminare. Consensus: 45,2

10:00 Euro: Pmi servizi a luglio, preliminare. Consensus: 47,1

USA

16:00 Indice Richmond Fed, luglio. Consensus: 0

16:00 Indice prezzi case, maggio, m/m. Consensus: 0,50%

Attese trimestrali principali:

STATI UNITI

Whirlpool – Attesa Eps secondo trimestre 2012: 1,688 dollari

Altria – Attesa Eps secondo trimestre 2012: 0,572 dollari

Ups – Attesa Eps secondo trimestre 2012: 1,171 dollari

At&T – Attesa Eps secondo trimestre 2012: 0,625 dollari

Apple – Attesa EPS secondo trimestre 2012: 10,390 dollari

Alessandro Piu