AGENDA DEL GIORNO: Nel fine settimana nuove dichiarazioni di sostegno a Draghi

Inviato da Alessandro Piu il Lun, 30/07/2012 - 08:42
L'effetto Draghi è proseguito anche venerdì scorso. Le Borse europee hanno oscillato nel corso della prima parte della giornata per poi prendere definitivamente la via del rialzo. Dopo le puntualizzazioni di rito dei banchieri centrali tedeschi alla dichiarazione del governatore della Bce nel pomeriggio Merkel e Hollande hanno diffuso un comunicato congiunto nel quale hanno ribadito di essere determinati a fare tutto il possibile per salvare l'euro.

Nel corso del fine settimana un colloquio telefonico tra la cancelliera tedesca e il presidente del Consiglio Monti e un intervista del presidente dell'Eurogruppo Jean-Claude Juncker a Le Figarò hanno confermato la svolta nella gestione della crisi europea. Juncker ha affermato la disponibilità dell'Eurogruppo ad acquistare titoli di Stato dei Paesi in difficoltà, in un'operazione coordinata con la Banca centrale europea. In particolare sarebbe l'Efsf ad agire in attesa che entri in funzione il meccanismo Esm a settembre.

Chiusura positiva per Wall Street (+1,91% per l'S&P500 e +2,24% per il Nasdaq). Impostate per una chiusura rialzista anche le Borse asiatiche con guadagni superiori al punto percentuale. Meno sostenuto il rialzo di Tokyo (+0,8% il Nikkei) penalizzata dal calo della produzione industriale e dalle vendite al dettaglio inferiori alle attese in giugno. Fitch ha inoltre tagliato il rating dei maggiori gruppi bancari del Sol Levante, Mitsubishi Ufj, Mizuho, Sumitomo Mitsui e Sumitomo Mitsui Trust ad A- dal precedente A.

BTp-Bund e Bonos-Bund ricominciano oggi da 452 e 520 con rendimenti dei titoli decennali al 5,91% e al 6,59% rispettivamente.

In una settimana caratterizzata dalle riunioni delle Banche centrali (mercoledì Fed, giovedì BoE e Bce) l'appuntamento principale della seduta odierna è con gli indici di fiducia dell'Eurozona attesi tutti in flessione nel mese di luglio. In Spagna viene invece reso noto il dato sul Pil nel secondo trimestre dell'anno. La rilevazione preliminare dovrebbe segnare una contrazione dell'1%.

Sul mercato secondario appuntamento importante per l'Italia. Vengono messi in asta titoli con scadenza 2015 per 250-750 milioni di euro (rendimento atteso 3%), 2022 per 1,5-2,5 miliardi di euro (5,5%) e 2017 per 1,25-2,25 miliardi di euro (4,75%). Emissioni sul mercato primario sono attese anche da Belgio (scadenze 2017, 2022 e 2026 con rendimenti rispettivamente al 3,5%, 4,25% e 4,5%) e Francia sul tratto breve della curva (2 mesi, 3 mesi e un anno) per un totale di circa 7,3 miliardi di euro.

Appuntamenti in rilievo:

ZONA EURO

09:00 Spagna: Inflazione a luglio, a/a, preliminare. Consensus: +1,7% Precedente: +1,9%

09:00 Spagna: Pil II° trimestre 2012, t/t, preliminare. Consensus: -0,4% Precedente: -0,3%

09:00 Spagna: Pil II° trimestre 2012, a/a, preliminare. Consensus: -1% Precedente: -0,4%

11:00 Europa: Climna d'affari a luglio. Consensus: -1,09% Precedente: -0,94

11:00 Europa: Fiducia consumatori a luglio. Consensus: -21,6 Precedente: -21,6

11:00 Europa: Fiducia economica a luglio. Consensus: 88,9 Precedente: 89,9

11:00 Europa: Fiducia industriale a luglio. Consensus: -1,4 Precedente: -12,7

USA

16:30 Dallas Fed index a luglio. Consensus: 2 Precedente: 5,8

Attese trimestrali principali:

ITALIA

Saipem - Attesa Eps primo semestre 2012: 1,080 euro

COMMENTA LA NOTIZIA