1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Casa ›› 

Affitti in leggera salita nelle grandi città, le preferenze vanno per il bilocale

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Affitti stabili in Italia con lieve crescita dei canoni nelle grandi città. È la situazione fotografata dall’indagine svolta da Tecnocasa. In generale, nel secondo semestre del 2010 a livello nazionale i canoni di locazione si sono mantenuti stabili sui trilocali, mentre hanno subito una flessione dello 0,1% sui bilocali. Nelle grandi città si segnala una leggera ripresa dei valori: +0,4% per i bilocali e +0,2% per i trilocali. Con una panoramica sulle tre maggiori città italiane si scopre che a Milano nel secondo semestre 2010 si è riscontrata una certa stabilità sui bilocali e un leggero calo, -0,4%, per i trilocali. A Roma i canoni di locazione hanno segnalato un leggero aumento: +0,4% sui bilocali e +0,6% sui i trilocali. In aumento anche gli affitti di Napoli: +1,1% sui bilocali e +0,1% per i trilocali. È il bilocale su cui si concentra la maggior parte della domanda di abitazioni in affitto, seguito dal trilocale e dal quattro locali.
In riferimento ai valori medi, quelli più elevati si registrano a Roma (850 euro al mese per un bilocale e 1050 euro al mese per un trilocale) e a Milano (750 euro al mese per un bilocale e 1030 euro al mese per un trilocale). Tra le città con i canoni più bassi spunta Catanzaro (280 euro al mese per un bilocale e 430 euro al mese per un trilocale), seguita a breve distanza da Campobasso (300 euro al mese per un bilocale e 400 euro al mese per un trilocale). L’indagine dell’Ufficio Studi di Tecnocasa mette in evidenza che il 61% di coloro che cercano la casa in affitto è single e il 45,4% ha un’età compresa tra i 18 e 34 anni. Inoltre, il 55,3% di chi cerca in affitto lo fa per trovare l’abitazione principale, seguito da coloro che cercano per motivi legati a trasferimenti di lavoro (33,7%) e chi si trasferisce per motivi di studio (11%). Quanto alle tipologie di contratto di locazione, quello più praticato è il canone cosiddetto libero (4+4), seguito da quello a uso transitorio e da quello concordato. Quest’ultima tipologia di contratto risulta in aumento rispetto al primo semestre dell’anno.