1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Aem: Corte Ue, Comune di Milano esercita in cda influenza che va oltre il suo investimento

QUOTAZIONI A2a
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il privilegio riservato agli enti pubblici di potere esercitare in una società per azioni un controllo sproporzionato rispetto alla loro partecipazione è contrario al diritto comunitario. Ad affermarlo è una sentenza della Corte di giustizia delle Comunità europee, che si riferisce al comune di Milano per quanto concerne l’ente pubblico in questione e ad Aem come società. Nello statuto della multiutility meneghina è stato introdotto il diritto esclusivo a favore del Comune di nominare direttamente fino a un quarto degli amministratori. D’altra parte, lo statuto conferisce sempre al Comune il diritto di partecipare all’elezione mediante voto di lista degli amministratori non direttamente nominati da esso stesso. “L’effetto combinato della riserva di nomina diretta e del diritto di partecipare al voto di lista – mette in evidenza la Corte Ue – consente al Comune di Milano di conservare la maggioranza assoluta nel consiglio di amministrazione di Aem, sebbene esso, successivamente alla cessione dei titoli, detenga solamente la maggioranza relativa del capitale”. La Federconsumatori e altre associazioni di consumatori e di piccoli azionisti hanno impugnato le delibere del consiglio comunale dirette a consentire al Comune di Milano di conservare la maggioranza nel cda di Aem e il Tribunale amministrativo regionale per la Lombardia ha chiesto alla Corte di giustizia di pronunciarsi sulla compatibilità con il diritto comunitario della normativa italiana su cui siffatta posizione privilegiata si fonda. ebbene, la Corte ha constatato che “la normativa italiana consente agli azionisti (pubblici) di partecipare all’attività del consiglio di amministrazione di una società per azioni con maggiore rilievo rispetto a quanto sarebbe loro normalmente concesso dalla loro qualità di azionisti. In questo modo essi possono esercitare un’influenza che va al di là dei loro investimenti, il che costituisce una restrizione ai movimenti di capitali”.