Aem: Centrosim non crede ad accordo con Asm

QUOTAZIONI A2a
FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

E’ difficile che l’ipotesi di fusione tra Aem Milano e Asm Brescia si concretizzi. Ne sono convinti gli analisti di Centrosim, che in una nota uscita oggi, invitano alla cautela. L’operazione, ammettono gli esperti, porterebbe benefici alla società in termini di economie di scala e di ampliamento della massa economica, che le permetterebbero di incrementare i ricavi e di difendersi da possibili takeover esteri, ma le perplessità rimangono. Le barriere che hanno impedito fino ad ora un matrimonio tra i due gruppi non sono ancora state abbattute: stando al parere degli analisti infatti, permangono problemi di natura politica, di governance e valutativa. Questo dunque il responso di Centrosim: “Malgrado l’appoggio fornito anche dal governo ad un’unificazione delle principali local utilities del paese, la strada resta in salita ed eventuali spinte speculative sui due titoli sarebbero per il momento ingiustificate”. La banca d’affari non cambia dunque la propria view su Aem e Asm e continua a consigliarne l’acquisto rispettivamente fino a 2,32 e 3,3 euro.

Commenti dei Lettori
News Correlate
BILANCI

A2A: balzo dell’utile 2016. Ebitda 2017 visto a 1,12-1,15 miliardi

L’esercizio 2016 del Gruppo A2A si è chiuso con un utile netto “reported” di 224 milioni di euro, dai 73 milioni dell’esercizio 2015. Al netto delle partite non ricorrenti, l’utile netto si è attestato a 377 milioni, in aumento del 35,6% rispetto al precedente esercizio. Nell’esercizio, i ricavi del Gruppo sono risultati pari a 5.093 […]

A2A: titolo cede oltre l’1%, per Citigroup ora è da vendere

A2A viaggia in territorio negativo a Piazza Affari, dove lascia sul parterre oltre 1 punto percentuale a 1,393 euro, sulla scia della bocciatura arrivata questa mattina da Citigroup. Gli analisti del colosso bancario americano hanno tagliato il giudizio sulla multiutility lombarda a sell dal precedente neutral (target price 1,25 euro).

A2A, sottoscritti nuovi patti parasociali con il Montenegro

A2A ha sottoscritto oggi con il governo del Montenegro la proroga dei patti parasociali risalenti al 29 agosto del 2016 relativi alla gestione della società Epcg. L’accordo, si legge nella nota odierna, prevede una durata semestrale e pertanto scadrà il prossimo 30 giugno. Non sono stati invece modificati gli altri termini e condizioni dei patti.