1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Aem-Asm, advisor all’opera per sciogliere il nodo Opa

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Gli advisor nominati da Aem e Asm Brescia sono già al lavoro e tra i tanti problemi in vista delle nozze tra le due municipalizzate c’è il rebus Opa. I due sindaci, Letizia Moratti e Paolo Corsini sono concordi sulla creazione di un’entità che non sia contendibile e che presenti una pariteticità a livello di governance. Ma una volta messa al riparo la maggioranza dal rischio scalata ostile, c’è da sciogliere il nodo dell’Opa obbligatoria. Gli advisor avrebbero giù chiesto il consulto della Consob che si sarebbe espressa a favore dell’ipotesi di guardare a quanto fatto da Intesa Sanpaolo, anche in relazione alla governance duale, mentre avrebbe consigliato di scartare l’ipotesi Iride. Nel caso della nuova superbanca, infatti, l’Opa non c’è stata con Intesa che ha incorporato Sanpaolo Imi. Ma nel caso delle due utilities lombarde non è chiaro quale delle due incorpori l’altra e poi, mentre Corsini ha in mano la maggioranza assoluta di Asm Brescia, la Moratti detiene solo il 42% di Aem e non raggiungerebbe quindi il quorum dei due terzi necessari per l’ok dell’assemblea straordinaria alla fusione. Senza dimenticare il problema del concambio: la quota meneghina in Aem è inferiore a quella dei bresciani in Asm e capitalizza in Borsa qualche centinaio di milioni in meno.