1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Aem-Amga: nuovo stop alla fusione

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

La fusione tra Aem-Torino e Amga-Genova è in stand-by. Alla fine della scorsa settimana i due azionisti di riferimento – i sindaci Sergio Chiamparino e Giuseppe Pericu – hanno incontrato a Milano i tecnici della Consob per fornirle i chiarimenti richiesti. La questione principale è costituita dal cambiamento dei meccanismi del controllo delle due utilities: il progetto prevede che al vertice di Iride (questo il nome che avrà la multiutility del nord-ovest) ci sarà una holding finanziaria paritetica tra i comuni di Torino e di Genova, che avrà la partecipazione di controllo sulla nuova quotata frutto della fusione. Da questa dipenderanno poi quattro società operative, due con sede a Genova, due a Torino. “La Coonsob sta valutando se per un’operazione del genere sia necessaria un’Opa – spiega Sergio Chiamparino – io e Pericu abbiamo spiegato che l’Opa non era stata prevista, in quanto, come enti locali, abbiamo dei vincoli che ci impongono di restare saldamente in sella alle nostre quotate. E così sarà, anche perché Iride, nelle intenzioni, è soltanto il punto di partenza per altre partnership o aggregazioni”.

Commenti dei Lettori
News Correlate
CORPORATE GOVERNANCE

CAD IT: AD Dal Cortivo nominato presidente

In sostituzione del presidente e Amministratore delegato scomparso Giampietro Magnani, il Cda di CAD IT ha conferito all’Ad Paolo Dal Cortivo l’ulteriore carica di presidente della società. Inoltre, Cecilia Rossignoli …

CORPORATE GOVERNANCE

CAD IT: AD Dal Cortivo nominato presidente

In sostituzione del presidente e Amministratore delegato scomparso Giampietro Magnani, il Cda di CAD IT ha conferito all’Ad Paolo Dal Cortivo l’ulteriore carica di presidente della società. Inoltre, Cecilia Rossignoli …