Aedes, nel capitale entra la Amenduni Acciai

Inviato da Redazione il Mer, 02/03/2005 - 13:11
Chi ha fatto il proprio ingresso nel capitale di Aedes diventandone di colpo il terzo azionista con il 4,8% del capitale? La domanda è rimbalzata ieri nelle sale di trading quando si è avuta notizia del passaggio ai blocchi di un unico, rilevante pacchetto di titoli della società immobiliare guidata da Luca Castelli. Le attenzioni degli operatori si sono rivolte subito all'ultimo entrato nel parterre degli azionisti del gruppo milanese, il fondo dubaitiano The investment office (Tio), che possiede già il 2,03% del capitale ed è visto come tra i più interessati ad accrescere la sua presenza.
Dietro l'acquisito del maxipacchetto, pagato circa 22 milioni di euro, secondo quanto risulta a Spystocks.com ci sarebbe invece la Amenduni Acciai, già proprietaria di un pacchetto pari a circa lo 0,8% di Mediobanca. Per Aedes, che il prossimo 17 marzo presenterà i conti 2004 e che entro lo stesso mese dovrebbe licenziare un atteso piano industriale, potrebbe quindi esserci un'altra presenza importante che si affianca, tra le altre, a quelle già consolidate di Munich Re, Morgan Stanley e dello stesso presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, titolare tramite la Fininvest del 2,127% delle quote.
COMMENTA LA NOTIZIA