1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

AdF, piano al 2011 prevede investimenti per 41,9 mln per sviluppo scalo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Investimenti complessivi per 41,9 milioni di euro nel periodo 2007-2011. E’ questo l’intento di Aeroporto di Firenze per lo sviluppo del proprio scalo. Il piano d’investimenti comprende anche la realizzazione dell’intero progetto architettonico dell’aerostazione stimato in circa 25 milioni. Tali investimenti sono in particolare finalizzati al completamento degli interventi fatti nel 2006 previsti dal master plan aeroportuale, in un ottica di sviluppo delle infrastrutture esistenti e di miglioramento dei livelli di servizio per i passeggeri e gli operatori dell’aeroporto, in linea con le prospettive di incremento dei passeggeri fino ai 3.000.000 nel 2010. Per quanto riguarda l’area cosiddetta ‘air side’, puntualizza la nota di AdF, sono stati finora completati numerosi investimenti previsti dal master plan che hanno visto in particolare l’integrale riqualifica della pista di volo, delle aree di sicurezza, dei raccordi nonché la realizzazione del loop in testata 23. Per quanto riguarda invece le aree dei terminal, gli interventi del 2006 hanno risolto le principali criticità operative manifestatesi nel corso del biennio precedente, ponendo inoltre le basi per il futuro ulteriore ampliamento delle infrastrutture il linea con le previsioni del master plan. Gli obiettivi prioritari di AdF per i prossimi anni saranno di sviluppare l’aeroporto dal punto di vista funzionale e dimensionale e di garantire un adeguato standard architettonico in linea con le aspettative dei passeggeri e degli operatori. Per quanto concerne invece i terminal, l’obiettivo prioritario sarà di ampliare l’area arrivi (2007) e lo smistamento bagagli in partenza (2007/2008), per completare poi l’ampliamento dell’aerostazione (2008/2009) con le partenze al primo piano e gli arrivi al piano terra. “La realizzazione della nuova configurazione dell’aeroporto sarà eseguita per fasi per garantire una continuità operativa ed adattabilità alla crescita di traffico”, specifica la nota di AdF.