1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Acciaierie Valbruna: vinta la causa per spionaggio industriale nei confronti di Rahul Suri, risarcimento iniziale da 10 milioni di euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

10 milioni di euro. A tanto ammonta il risarcimento provvisionale comminato ieri dal tribunale di Vicenza a Rahul Suri e alla sua azienda, le acciaierie indiane Viraj, per furto di segreti industriali e commerciali ai danni delle acciaierie Valbruna.

La cifra sembra destinata a salire considerando che manca ancora la quantificazione del risarcimento del danno da parte del giudice civile di Vicenza e che le Acciaierie Valbruna avevano lamentato un danno di 30 milioni di euro.

Il manager indiano è stato inoltre condannato a un anno e 10 mesi, meno dei 2 anni di reclusione richiesti dal PM Paolo Pecori ma decisamente peggio dell’assoluzione richiesta dall’avvocato della difesa, Andrea Saliani. In primo grado, nel marzo del 2009, Suri era stato condannato a 2 anni di carcere e al pagamento di 470 mila euro di provvisionale.

La storia ebbe inizio dopo che nel periodo 2006- 2011 le Acciaierie Valbruna avevano notato uno strano calo del volume degli affari, un calo nell’ordine delle 5/10 mila tonnellate d’acciaio all’anno. La contrazione del volume delle vendite era stato inoltre accompagnato da una costante aggressione concorrenziale da parte delle Acciaierie Viraj.

Che qualcosa non tornasse a Vicenza lo avevano capito dopo le dimissioni, improvvise, di Giancarlo Zausa, product manager nel settore prodotti speciali: nel Pc in precedenza in possesso del manager erano stati ritrovati diversi documenti riservati e coperti dal segreto industriale.

Informazioni a cui il manager non avrebbe dovuto avere accesso. Come mai allora deteneva quei file nel proprio computer si erano chiesti i vertici di Valbruna?

Il timore che Zausa avesse potuto divulgare, mentre ancora era alle dipendenze del gruppo vicentino, i segreti industriali di Valbruna si era concretizzato già nel 2006 proprio con l’analisi dei dati del computer.

Il comportamento disonesto dell’ex manager si è peraltro protratto per anni, causando un danno anche ai lavoratori italiani: il calo dei volumi e la concorrenza sui clienti di Valbruna si era tradotta in un taglio di 50 posti di lavoro.

Ancora nel giugno del 2011, le Acciaierie Viraj avevano annunciato un accordo strategico con la Siemens per avviare una fabbrica per produrre un acciaio speciale. Piccolo dettaglio: prima di allora le acciaierie indiane non avevano in catalogo questo prodotto. Le acciaierie Valbruna sì.