Abi: Comitas, prestiti banche è peggior dato da 14 anni. 9mila attività chiuse in primi nove mesi dell'anno

Inviato da Flavia Scarano il Mar, 17/12/2013 - 16:48
"Il calo record dei prestiti da parte delle banche è la causa principale per cui in Italia si registra una ecatombe di piccole aziende". Lo afferma Comitas, l'associazione delle microimprese italiane, commentando i dati diffusi oggi dall'Abi, secondo cui la riduzione del credito sarebbe la più pesante degli ultimi 14 anni.

"Per le piccole imprese la riduzione del credito è ancora più elevata e sfiora quota -10% rispetto al 2012", spiega Comitas. "In una fase di crisi economica acuta come quella che sta vivendo il nostro paese, non concedere prestiti equivale a condannare a morte il mondo della microimprenditoria. Non a caso nei soli primi 9 mesi dell'anno, più di 9mila attività hanno chiuso i battenti nel nostro paese, con un incremento del 6% rispetto allo stesso periodo del 2012, e oltre 50.000 piccole aziende versano in condizione di paralisi".

"Le banche devono tornare a fare il proprio mestiere, che non è investire i soldi in titoli di Stato redditizi e poco rischiosi, ma concedere prestiti a chi ne ha bisogno e a tassi ragionevoli, perché il credito rappresenta la benzina che permette alle imprese di andare avanti, di produrre e di creare occupazione", conclude Comitas.
COMMENTA LA NOTIZIA