Il 74% delle transazioni sul forex è realizzato da macchine

Inviato da Luca Fiore il Mer, 26/03/2014 - 19:26
74%. Quasi tre quarti del volume totale delle transazioni sul valutario, un mercato da 5,3 mila miliardi di dollari giornalieri, nel 2013 è stato realizzato autonomamente dalle macchine e dai loro sofisticati algoritmi. È quanto emerge da uno studio condotto dalla società di consulenza statunitense Greenwich Associates. La ricerca è stata condotta tra settembre e novembre del 2013 tramite interviste a 1.584 professionisti di alto livello in Nord America, America Latina, Europa, Asia, Australia e Giappone.

Il risultato 2013 segna un incremento di tre punti percentuali rispetto a un anno prima. Sopra la media il dato statunitense, stabile all'83%, e quello giapponese, pari all'87%, calo invece di cinque punti percentuali (68%) per il vecchio continente.

Tramite High frequency trading vengono aperte posizioni di investimento che possono essere chiuse anche in frazioni di secondo. Nonostante i margini esigui, si tratta una strategia che se attuata su grandi quantità di transazioni giornaliere garantisce guadagni cospicui.

Negli ultimi giorni i vertici del New York Stock Exchange e del Nasdaq sono finiti nel mirino delle autorità statunitensi perché accusati di permettere l'accesso ai propri data center alle divisioni trading delle grandi banche, consentendo loro di avere informazioni preziose in anticipo rispetto agli altri partecipanti e di effettuare scambi elettronici velocissimi (spesso inferiori al secondo).
COMMENTA LA NOTIZIA