1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Uncategorized ›› 

Dopo Apple, anche l’ISM affonda gli USA. Dow giù di 660 punti

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Giornata nera per gli indici azionari statunitensi, già colpiti dalle notizie di giornata di Apple. Il Dow Jones è arrivato a perdere 660 punti, mentre sia S&P 500 che Nasdaq stanno facendo registrare cali superiori ai 2 punti percentuali. Le ulteriori perdite intraday si sono verificate dopo la pubblicazioni dei dati sull’ISM manifatturiero, che ha registrato un calo importante a 54,1 punti a dicembre rispetto ai 59,3 del mese precedente. Le stime di consenso riguardavano una lettura ISM di 57,9.

 

La debole lettura di ISM si aggiunge quindi all’ansia stimolata da dati deboli provenienti ieri dalla Cina e dall’Europa, alimentando la paura che una recessione stia per arrivare. La disfunzione a Washington continua, nel frattempo, con i leader che non sembrano in grado di raggiungere un accordo per porre fine allo shutdown e, quindi, riaprire il governo.

L’America Corporate sta diventando fredda sulle prospettive“, ha dichiarato Chris Rupkey, capo economista finanziario della MUFG Union Bank di New York. “Questo è quello che il mercato azionario sta dicendo con nuove vendite e nuovi minimi dopo l’uscita del dato sulla produzione manifatturiera“.