1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Notizie Italia ›› 

Il 2008 sarà l’anno del boom turistico italiano

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Anche quest’anno torna Bit-Borsa internazionale del turismo, l’appuntamento clou per il settore turistico, in calendario dal 21 al 24 febbraio al quartiere fieramilano di Rho. 152 Paesi provenienti da tutto il mondo (+25% rispetto al 2007), 5 mila espositori e ben 34.232 pre-registrazioni fino a ieri. Sono questi sono alcuni dei numeri salienti dell’edizione ventottesima edizione, snocciolati durante la conferenza stampa che si è tenuta oggi a Milano. “Dal 2008 parte un triennio importante per Bit – racconta Corrado Peraboni, amministratore delegato di Fiera Milano Expocts  – che punterà, sin da questa edizione – a raddoppiare le presenze grazie a un’intensa campagna di comunicazione. Un segnale che ci rivolgiamo a un pubblico internazionale”.

 

Alla vigilia dell’inizio di Bit spazio anche alla questione Malpensa. Milano rischia di perdere milioni di euro per il ridimensionamento dello scalo lombardo. Così Adalberto Corsi, presidente di Expocts, ha manifestato la sua preoccupazione per il futuro di Malpensa. “Con un aeroporto retrocesso in serie B – sostiene Corsi – ci troveremmo nella situazione paradossale di avere turisti e operatori economici che, per raggiungere Milano, dovrebbero passare prima da altre capitali europee nostre concorrenti”. Ma non solo. “Dal 2000, Malpensa ha incassato il 70% della cosiddetta biglietteria ‘business’ di tutta l’Italia – spiega il presidente di Expocts – con un peso quindi rilevante per lo sviluppo di settori come quello turistico e fieristico”. E aggiunge: “Milano e la Lombardia hanno bisogno, per il loro sviluppo turistico, di Malpensa. Avere un aeroporto intercontinentale pienamente funzionante è più che mai importante in un mercato turistico, che deve affrontare nuove sfide a livello internazionale”.

Il 2008 sarà l’anno del boom turistico italiano. Lo ha decretato la stampa internazionale, che mette la Penisola nostrana in cima alle proprie simpatie. Una tendenza che trova riscontro nei dati diffusi dall’organizzazione internazionale del turismo nel 2007, secondo la quale questo settore è cresciuto del 6,2% rispetto al 2006 e sono state 900 milioni le persone che viaggiato da un capo all’altro del mondo. Insomma, nonostante il caro petrolio e l’aumento delle bollette gli amanti dei viaggio non rinunciano alle partenze. Un anno da incorniciare anche per il turismo italiano: +7% di turisti arrivati nel Belpaese. Uno scenario che emerge dall’analisti dei dati dell’osservatorio BitLab, il primo osservatorio permanente sull’immagine all’estero del settore turistico italiano, commissionato da Fiera Milano Expocts.