Unicredit tenta la reazione sul supporto 6,80/85

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Confortato dalle parole dell’amministratore delegato Alessandro Profumo, pronunciate ieri nel corso del roadshow statunitense di presentazione dell’operazione di fusione con Capitalia, il titolo della banca di Piazza Cordusio recupera terreno guadagnando l’1,8% a 6,96 euro. Una reazione che arriva dopo un calo di oltre 10 punti percentuali incassato dal titolo a partire dai massimi di quota 7,75 euro e in corrispondenza di area 6,80/85 euro, supporto nei pressi del quale si trova a transitare la media mobile a 200 periodi e la trendline rialzista in essere dall’estate 2005. Per riprendere vigore Unicredit necessiterebbe tuttavia di riportarsi al di sopra di area 7,05/10 euro da dove potrebbe riportarsi verso l’obiettivo di quota 7,40. Se il titolo della banca guidata da Alessandro Profumo non dovesse riuscire a portarsi sopra 7,05/10 euro verrebbe riproposto il test dei due supporti dinamici sopradetti alla cui rottura il titolo scivolerebbe verso i minimi dell’anno a 6,50 euro.Alessandro Piu.


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori