Telecom Italia, con la trimestrale è iniziato il pull back

Inviato da Redazione il Ven, 05/11/2010 - 09:55

Il pomeriggio di ieri è stato molto penalizzante per i corsi azionari di Telecom Italia. I titoli dell’ex monopolista hanno iniziato a perdere prima della diffusione dei dati relativi al terzo trimestre e prima della conference call del top management. Da un punto di vista fondamentale il gruppo Tlc ha riportato nel periodo ricavi pari a 6,67 miliardi di euro, invariati rispetto a 12 mesi prima. L’ Ebitda prima delle voci straordinarie si è assestato  a 2,99 miliardi (+0,3%) mentre l’utile netto è stato  di 608 milioni di euro. Il consensus degli analisti per questa voce era di 500 milioni di euro. Se il gruppo ha confermato per il 2010 gli obiettivi di Ebitda organico stabile rispetto al 2009, il mercato è rimasto deluso dai dati della telefonia mobile. Da un punto di vista tecnico le flessioni di ieri hanno invece permesso al titolo di avvicinarsi molto alla trendline ribassista che era stata violata al rialzo lo scorso 14 ottobre. La trend è stata ottenuta congiungendo i top decrescenti del 17 settembre 2009 a 1,263 euro e del 16 aprile 2010 a 1,145 euro. Il pull back completo di questa rottura si avrebbe attualmente a 1,0390 euro. Pur considerando l’elemento negativo rappresentato dall’incrocio negativo delle medie a 14 e 55 sedute, si evidenzia come le azioni potrebbero trovare un valido supporto nella media a 200 periodi attualmente transitante a 1,0318. In base a queste considerazioni è dunque possibile intraprendere una strategia rialzista in prossimità di 1.035. Collocando lo stop alla violazione dei supporti di 0,9985 euro, il primo target naturale di tale strategia è posizionato all’altezza dei top di periodo in area 1,12 euro. Oltre tale livello il target si sposterebbe a 1,15 euro.

Riccardo Designori

Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eutostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!

COMMENTA LA NOTIZIA