Saipem: inversione del trend di medio periodo solo oltre area 17,8 euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Il rimbalzo della ultime giornate di Saipem sembra aver trovato un valido ostacolo in corrispondenza della resistenza statica posta a quota 17,5 euro (valore attuale 17,2 euro, -0,86%). Una analisi più dettagliata mostra l’importanza della trendline ribassista che collega gli ultimi massimi relativi che attualmente coincide con la media mobile esponenziale a 50 periodi che più volte negli ultimi mesi ha rappresentato un importante punto di reversal del movimento di medio periodo. Alla luce di queste considerazioni per aprire nuove posizioni rialziste è consigliabile attendere una decisa rottura di tali resistenze dinamiche, attualmente in area 17,8 euro. In tal caso probabile accelerazione delle quotazioni verso il successivo target a quota 18,90 euro e poi eventualmente verso area 20 euro per terminare sui massimi storici registrati a fine aprile in area 21,3 euro.
Il mancato superamento di area 17,5 euro favorirebbe invece un nuovo test dei minimi delle ultime settimane in area 15,8, con step intermedio in area 16,5 euro. L’eventuale violazione di area 15,8 aprirebbe la strada verso il successivo target ribassista a quota 15 euro sotto cui segnaliamo l’importanza della trendline rialzista di lungo periodo attualmente transitante in area 14 euro. Gli oscillatori confermano la validità del rimbalzo di breve periodo. Il Macd ha fornito da alcuni giorni il segnale di ingresso mentre l’RSI si conferma in trend positivo. I volumi si mantengono su livelli medi del periodo: necessario un deciso incremento degli scambi per confermare eventuali segnali di rottura rialzista da parte delle quotazioni. Marco Berton. Redazione Finanzaonline.com


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eutostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori