Parmalat torna sui massimi del settembre 2008

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Ammonta a 14 punti percentuali il rialzo incamerato dal titolo Parmalat dalla metà del mese di luglio. Un movimento che ha riportato l’azione nei pressi dei massimi segnati a settembre 2008, in area 1,88 euro. Una soglia che potrebbe dunque dare un segnale positivo importante e di lungo termine per lo scenario ma che probabilmente dovrà essere preceduto da una fase di consolidamento dei guadagni. Gli oscillatori mostrano infatti presenza di ipercomprato. In caso di correzione, Parmalat troverebbe un primo supporto intermedio a poca distanza dai livelli attuali, a 1,835 euro. La rottura farebbe rientrate l’azione in un’area di neutralità di breve termine mentre lo scenario di medio periodo rimarrebbe rialzista. Sotto 1,835 probabile prosecuzione della discesa fino al test del supporto a 1,79, dove si trova a transitare anche la media mobile di breve termine. La rottura di quest’ultimo livello, confermata in chiusura di seduta, produrrebbe un segnale ribassista con primo obiettivo a 1,745 e successivamente in area 1,70 euro. Ritornando sul fronte rialzista, una chiusura sopra 1,88 euro accompagnata da un incremento dei volumi, potrebbe spingere Parmalat  ad accelerazioni verso 1,92 e successivamente verso la chiusura del gap ribassista lasciato aperto a metà del maggio 2008, a quota 2,07 euro.


Operatività: mantenere aperte posizioni long in essere, elevando trailing stop a 1,825 euro. Nuovi long su chiusure decise oltre 1,88.


Alessandro Piu


(30/7/2009 – 12:00)


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori