Nasdaq Composite: quadro ribassista confermato sotto media mobile di lungo periodo

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Settima black candle consecutiva per il Nasdaq Composite che ha archiviato la seduta di ieri chiudendo poco al di sotto della soglia tecnica e psicologica dei 2500 punti. Il quadro tecnico dell’indice tecnologico statunitense appare chiaramente impostato al ribasso: la recente rottura di area 2600 punti avvenuta con ampio down gap rende comunque possibili, nelle prossime sedute, rimbalzi anche sostanziosi da parte dell’indice. In quest’ottica potrebbe essere sensato chiudere le posizioni ribassiste in essere per eventualmente riaprirle solo su decisa violazione di area 2500 punti confidando in un possibile recupero di area 2570 e poi dei 2592 punti, livello dove verrebbe chiuso il gap aperto venerdì scorso. Allo stato attuale per l’inversione del trend di fondo è consigliabile attendere la violazione di area 2660 o, per i più prudenti, dei massimi relativi registrati in area 2725 punti. Sotto area 2500 l’outlook sull’indice si aggraverebbe ulteriormente rendendo possibile il test di area 2450 e successivamente di area 2400 punti.
L’analisi volumetrica conferma solo parzialmente la rottura di importanti livelli statici avvenuta negli scorsi giorni. Si noti come la media mobile a 200 periodi transiti attualmente poco sopra area 2600 punti, confermando ulteriormente la validità di tale livello.


Operatività: nuovi short su decisa violazione di area 2500 punti con target a 2450 e 2400. Sfruttare eventuale pullback in area 2590 per aprire nuove posizioni short e stop loss sopra area 2600. Long sopra area 2660.


Marco Berton


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori