Mediobanca, un doppio massimo da sfogare al ribasso

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Si mantiene sopra la parità Mediobanca, interessata circa le possibili evoluzioni del core business dalle notizie di stampa secondo cui la controllata Compass, società attiva nel credito al consumo, sarebbe interessata a Consum.it, la divisione del credito al consumo di Mps. Da un punto di vista grafico dopo i ribassi degli ultimi giorni si sono aperte nuove possibilità ribassiste. Dopo aver testato in un paio di occasione, per la precisione l’8 e il 16 febbraio, le resistenze statiche di area 8/8,05 euro, il titolo ha ora ingranato la strada del ritracciamento del movimento ascendente che ne ha caratterizzato il percorso borsistico dai minimi dell’11 gennaio. Le azioni tra il 3 febbraio e la seduta di ieri hanno completato un doppio massimo avente come trendline inferiore di supporto la linea tracciata con i top del 21 gennaio e i minimi del 10 febbraio. Un primo pull back di detta trend è già stato compiuto nelle prime fasi di contrattazione con il top intraday, tuttavia permangono le possibilità di entrare short in caso di rimbalzi. Nella fattispecie la vendita di 7,56 euro, con stop posizionato a 7,84 euro, permette di puntare ad un target intermedio di 7,13 euro. Il secondo target, ricavato estendendo al ribasso il doppio massimo citato in precedenza, è invece fissato a 7,02 euro, ossia in corrispondenza dei supporti statici e dinamici che a metà dicembre ostacolarono le velleità rialziste del titolo. Oltre alla vicinanza con la soglia psicologica, a 7,02 euro le azioni testerebbero la consistenza dei top del 9/10 e 13 dicembre e della trendline orizzontale la cui violazione, avvenuta il 12 gennaio, porto al completamento del double low disegnato a cavallo tra il 23 novembre e l’11 gennaio generando un immediato segnale di inversione del trend ribassista antecedente.


Riccardo Designori


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori