Mediobanca: fondamentale la tenuta di 7,55 euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

 

Il titolo Mediobanca YTD ha perso oltre il 15% sovraperformando il FTSE ALL-SHARE BANKS che nello stesso periodo ha perso oltre il 25%.

 

Da un punto di vista tecnico Mediobanca è, tra le big italiane, l’unica banca a non aver infranto al ribasso la trend line rialzista di lungo corso, ovvero quella costruita sui minimi del luglio 2012 e giugno 2016.

 

Graficamente il rialzo avviato il 25 ottobre appare poco convinto, visto i volumi molto bassi e non è da escludere, in caso di debolezza del mercato, un ritorno verso area 7,5 euro, dove giace il ritracciamento di Fibonacci del 50% di tutto l’up trend su citato. Il break di tale livello riporterebbe velocemente i corsi sulla trend line di lungo corso. Il livello chiave per Mediobanca è dunque la fascia di prezzo compresa tra tale supporto dinamico e i 7 euro (61,8% di Fibonacci). Un eventuale rottura aprirebbe a forti pressioni ribassiste verso 6 euro e inferiori.

 

Al rialzo invece 8 euro è la prima resistenza utile anche se il quadro tecnico migliorerebbe soprattutto al superamento di 8,24 euro (38,2% di Fibonacci), con primo target a 9 euro.


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori