Euro Stoxx 50, un eventuale rimbalzo è interessante in ottica ribassista

Inviato da Redazione il Mer, 25/07/2012 - 11:27

Il timido tentativo di rimbalzo che sta caratterizzando la prima parte della seduta odierna dei mercati azionari europei favorisce un recupero delle quotazioni anche dell’Euro Stoxx 50. Analogamente a quanto accaduto a altri basket continentali, negli ultimi giorni anche il quadro grafico del paniere che raggruppa le 50 società più importanti dell’Eurozona ha subito un brusco deterioramento che ha così inficiato negativamente l’intera impostazione tecnica di medio periodo dell’indice. Nella fattispecie i primi segnali di debolezza sono iniziati ad emergere già venerdì 20 luglio, giorno in cui i corsi azionari del basket ruppero al ribasso i supporti dinamici espressi dalla trendline ascendente ottenuta unendo i minimi crescenti del 26,27 e 28 giugno. In molteplici occasioni nel corso della prima parte del mese di luglio la linea di tendenza in questione aveva mostrato la sua validità sostenendo il paniere e indirizzandolo nuovamente verso i massimi di periodo. La discesa causata dal riacutizzarsi delle tensioni legate al debito sovrano dell’Eurozona e degli effetti negativi di un eccessivo allargamento degli spread sui ratio patrimoniali degli istituti di credito ha così rimescolato il quadro tecnico. Oltre alla già citata rottura della trendline ascendente, il 20 luglio scorso l’indice ha infatti generato un altro segnale di debolezza andando a incrociare negativamente dall’alto verso il basso sul daily chart le medie mobili di breve/medio e lungo periodo. A inizio settimana a capitolare già nelle prime fasi di contrattazione sono stati invece gli strategici supporti statici posizionati in prossimità dei 2.210 punti. La soglia indicata era stata lasciata in eredità dalla serie di top intraday registrati nella prima parte di giugno e aveva mostrato la sua importanza in occasione del ritracciamento successivo alla violazione di quello che in precedenza era un’area di resistenza statica. Bypassato di slancio grazie all’euforia dei mercati dello scorso 29 giugno, in seguito, il riferimento specifico è ai minimi giornalieri del 9 e 12 luglio, aveva sempre contribuito ad arginare la pressione dei venditori impedendo all’Euro Stoxx 50 di riportare correzioni più marcate. L’essersi ora riportato sotto tale soglia ha dunque una valenza ancor più negativa. Ad incrementare le possibilità che l’indice possa continuare la propria discesa almeno fino in area 2.120 punti, ossia in corrispondenza della serie di minimi registrati a cavallo tra il 12 e il 26 giugno, vi è la constatazione che con la rottura dei 2.214 punti il basket ha completato una tipica figura dell’analisi tecnica dalla valenza ribassista: si tratta del doppio massimo iniziato a costruire il 29 giugno e completato il 23 luglio avente come due massimi relativi quello del 5 luglio a 2.332 punti e quello del 19 luglio a 2.309 punti. La figura avrebbe come target al ribasso i 2.096 punti, obiettivo ottenuto estendendo completamente al ribasso l’ampiezza del range compreso tra il massimo del 5 luglio e la base di supporto statico fornita dai minimi del 9 luglio. In base alle indicazioni evidenziate nel corso dell’analisi è quindi lecito valutare l’implementazione di una strategia short sull’indice continentale nel caso il recupero dovesse riportare le quotazioni del paniere in area 2.207/2.214 punti. Con stop che scatterebbe a 2.265 punti, il primo target si avrebbe a 2.125 punti mentre il secondo si avrebbe a 2.070 punti.

Riccardo Designori

Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eutostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!

COMMENTA LA NOTIZIA