Eni: determinante la tenuta del supporto a 16,2 euro

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Interessante segnale tecnico per il titolo petrolifero che prosegue questa mattina il rimbalzo messo a segno venerdì scorso registrando in area 16,65 euro un progresso prossimo al punto percentuale. La tenuta del supporto statico posizionato in area 16,20 euro apre ora la strada a possibili accelerazioni di breve periodo anche se solo un recupero di area 17 euro porrebbe le basi per una potenziale inversione del trend in atto. In tale ipotesi i livelli da monitorare sarebbero posizionati in area 17,50 e poi eventualmente in area 17,90 euro. Oltre quota 18,50 verrebbe invece decretata l’inversione del trend di medio periodo con potenziale obiettivo in area 20 euro. Al ribasso, l’eventuale conferma in close della rottura di area 16,20 euro favorirebbe un’accelerazione verso il potenziale target in area 15,8 e poi a 15,3 euro, ultimo baluardo per evitare ulteriori affondi verso area 14,7. L’analisi degli oscillatori e dei volumi non fornisce, almeno per il momento, interessanti spunti operativi. Non si intravedono, in particolare, evidenti divergenze sui minimi di periodo che solitamente preannunciano un’imminente inversione del trend di fondo.


Operatività: possibile ingresso rialzista sul titolo a tenuta del supporto posto a quota 16,2 con target a 17,50 e 17,90 euro. Long di posizione su rottura dei 18,50 euro. Stop e reverse su violazione di area 16,20 con potenziale obiettivo a 15,8 e 15,3 euro.


Marco Berton


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori