Enel: Resistenza a 5,4 euro primo ostacolo verso nuovi massimi

FACEBOOK TWITTER LINKEDIN

Enel oggi accelera in Borsa guadagnando oltre il 3% e sovraperformando il mercato del 2,2 per cento. I corsi si riportano così sui massimi in area 5,4 euro, dopo aver effettuato il rimbalzo sulla trend line rialzista di lungo periodo.

Analisi grafica: Balza di oltre il 3% in Borsa il titolo dell’utility italiana dopo la pubblicazione del Piano Industriale 2018-2020, venendo dunque premiato dagli investitori.

 

Da un punto di vista tecnico, il titolo dopo aver testato oggi la trend line rialzista di lungo periodo (line blu nel grafico) descritta dal minimo Ytd del 1 febbraio a 3,8 euro e del 21 aprile e poi confermata sia ad ottobre che oggi in apertura, ha avviato un veloce movimento al rialzo puntando il massimo Ytd raggiunto il 7 di novembre a 5,44 euro.

 

Il quadro appare dunque positivo anche se sarà necessario per i corsi la rottura dell’area di prezzo dei 5,4 euro per vedere ulteriori rialzi. In tal caso le prime resistenze sono collocate in area 5,5 euro e poi a 5,7 e 6,2 euro, livelli che Enel non vede dal 2008.

 

Al ribasso invece un eventuale insuccesso del test dei 5,4 euro potrebbe vedere un calo con primi supporti collocati a 5,24 euro, 5,12 euro e 5 euro.

 

Analisi volumetrica: oggi Enel scambia circa 26,15 milioni di pezzi, inferiore ai 33 milioni di pezzi passati di mano mediamente nei 12 mesi. Evidente anche il calo dei volumi lungo il movimento rialzista da aprile, come si vede nel grafico (linea rossa e media mobile verde calanti). Una dinamica comunque che si allinea anche a livello dell’indice principale.

Grafico settimanale: il time frame settimanale conferma quanto visto nel daily. I volumi sono in calo sui nuovi massimi e gli oscillatori RSI e MACD sono in divergenza sul prezzo già a partire da giugno di quest’anno, non realizzando massimi crescenti in prossimità di quelli sul grafico dei prezzi.

 

Conclusione: Nonostante il calo del mercato delle ultime due settimane Enel ha sovraperformato rimanendo di fatto in prossimità dei massimi. Tale forza ha beneficiato oggi del Piano Industriale. Il titolo dopo le prese di beneficio seguite al massimo del 7 novembre si è mantenuto sopra la media mobile esponenziale a 60 periodi e la trend line rialzista di lungo corso, generando volatilità sul rimbalzo.


Ricevi ogni giorno via email la newsletter sulle analisi Dax, Ftse Mib, Eurostoxx50.
ISCRIVITI ORA GRATUITAMENTE!!


Commenti dei Lettori